Indice Contenuti:

Scengo da coppe e quartiere è una canzone di Giusy Attanasio, pubblicata il 7 maggio 2024.

Testo della Canzone "Scengo da coppe e quartiere" di Giusy Attanasio

— Titolo, Scengo da coppe e quartiere

Dalle due alle tre
Te vide cu'mme
Pe ffa ammore senza penza’
Ca già tiene 'na storia 'a raccunta’
Quanno chiamme tu
Io nun so cchiù io
Perdo a capa o saje
E mme trucco co russetto e l'urdema bucia

So femmena ind''o core
Na riavula ind''o scuro
E metto in moto sta machina ancora
Chilometri e curaggio
Telefono stutato
Irreperibile p'o munno sano

Scengo da coppe 'e quartiere
Si ’o traffico ’o permette
Ce vo 'na mezz’ora
E sto a Via Chiaia
Mentre tu parle italiano
Te dongo chistu core
Cchiù napulitano
E cchiù carnale

Chesta faccia nera comme 'o café
Addiventa rossa si guarda a te
Simm a stessa cosa dint'a 'stu lietto
Facenno ammore
Annascuse da gente c’amma vasà
'Nu pericolo 'e bene senza pietà
E frenuta chest'ora me chiamme
E te lasso ind'e mane 'e 'na santa

Rimanesse cca ma nun se po' ffa
Nun so comme a chella là
Chist'ammore nun dice 'a verità
So femmena ind''o core
Na riavula ind''o scuro
E metto in moto sta machina ancora
Chilometri e curaggio
Telefono stutato
Irreperibile p'o munno sano

Scengo da coppe 'e quartiere
Si 'o traffico 'o permette
Ce vo 'na mezz'ora
E sto a Via Chiaia
Mentre tu parle italiano
Te dongo chistu core
Cchiù napulitano
E cchiù carnale

Chesta faccia nera comme 'o café
Addiventa rossa si guarda a te
Simm a stessa cosa dint'a 'stu lietto
Facenno ammore
Annascuse da gente c'amma vasà
'Nu pericolo 'e bene senza pietà
E frenuta chest'ora me chiamme
E te lasso ind'e mane 'e 'na santa

Traduzione della Canzone "Scengo da coppe e quartiere" di Giusy Attanasio

— Titolo, Scengo da coppe e quartiere

Dalle due alle tre
Ti vedo con me
Per fare l'amore senza pensare
Perché hai già una storia da raccontare
Quando mi chiami tu
Io non sono più io
Perdo la testa, lo sai
E mi trucco con rossetto e l'ultima bugia

Sono donna nel cuore
Un diavolo nel buio
E metto in moto questa macchina ancora
Chilometri e coraggio
Telefono spento
Irreperibile per il mondo intero

Scendo dal quartiere alto
Se il traffico lo permette
Ci vuole mezz'ora
E sono a Via Chiaia
Mentre tu parli italiano
Ti do questo cuore
Più napoletano
E più carnale

Questa faccia nera come il caffè
Diventa rossa se ti guarda
Siamo la stessa cosa in questo letto
Facendo l'amore
Nascosti dalla gente che dobbiamo baciare
Un pericolo di bene senza pietà
E finita quest'ora mi chiami
E ti lascio nelle mani di una santa

Rimanere qui ma non si può fare
Non sono come quella là
Questo amore non dice la verità
Sono donna nel cuore
Un diavolo nel buio
E metto in moto questa macchina ancora
Chilometri e coraggio
Telefono spento
Irreperibile per il mondo intero

Scendo dal quartiere alto
Se il traffico lo permette
Ci vuole mezz'ora
E sono a Via Chiaia
Mentre tu parli italiano
Ti do questo cuore
Più napoletano
E più carnale

Questa faccia nera come il caffè
Diventa rossa se ti guarda
Siamo la stessa cosa in questo letto
Facendo l'amore
Nascosti dalla gente che dobbiamo baciare
Un pericolo di bene senza pietà
E finita quest'ora mi chiami
E ti lascio nelle mani di una santa

Significato della Canzone "Scengo da coppe e quartiere" di Giusy Attanasio

La canzone parla di una relazione segreta e passionale, descrive la tensione tra il desiderio e la realtà, la passione di una relazione extraconiugale e il bisogno di vivere questi momenti intensi nonostante la consapevolezza della loro temporaneità e del rischio di essere scoperti. La protagonista vive momenti intensi con il suo amante, nonostante sia consapevole della complicazione e del rischio di questa relazione, ogni volta che è con lui, perde la testa e si trucca per l'incontro, cercando di essere perfetta per questi momenti rubati.

Insomma, vive una doppia vita, presentandosi come una "donna nel cuore" e un "diavolo nel buio", evidenziando la dicotomia tra la sua vita pubblica e quella privata.

Alla fine, la protagonista sa che non può restare con lui e deve tornare alla sua vita normale, lasciandolo "nelle mani di una santa", forse una metafora per indicare la sua partner ufficiale o la normalità da cui è fuggita.

Videoclip della Canzone "Scengo da coppe e quartiere" di Giusy Attanasio