E' arrivata l'estate e con l'arrivo dell'estate sono arrivati anche i tanto attesi tormentoni. Ti piacciono o no, arrivi a un punto in cui vorresti cambiare la frequenza della radio ogni volta che le ascolti. Se non diventano un tormento non possono considerarsi tormentoni.
Ma stai tranquillo. Una volta passata l'estate, la maggior parte di quelle canzoni non le ascolterai più nella tua vita: in giro, in radio, sulla spiaggia, in discoteca.


Una moda che se ne va


Sono, per fortuna o purtroppo (dipende dal punto di vista), una ''moda passeggera'', proprio per questo sono tormentoni, li ascolti per un periodo di tempo fino alla nausea. E poi? STOP. Non ne saprai più l'esistenza!
Ci sono artisti che ci lavorano per un anno intero, per lanciare il loro tormentone, in cerca dei motivetti perfetti e accattivanti, testi che canterebbero chiunque, e ritornelli orecchiabili su basi ritmate. Ovviamente presentando tutti le stesse caratteristiche che fanno di queste canzoni le hit del momento.


Costruzioni per l'estate


Il tormentone è anche piacevole quando si tratta di una canzone che è nata istintivamente e ha la fortuna di rimanere a lungo nella mente dell'ascoltatore. Ma non lo è per le canzoni sfornate solo per il gusto di essere al podio delle classifiche estive. E il problema è proprio questo, c'è una vera e propria gara a chi sale più in alto, e a chi riesce a raccimolare più ascolti.
Quello che viene fuori è ''un pacchetto confezionato ad hoc''. Si, perchè ci sono proprio delle regole da seguire per renderlo tale. Ma vediamo quelle di questi ultimi tempi.
. Reggaeton. Siamo in Italia eppure ultimamente i nostri tormentoni italiani sono conditi di Reggaeton, con ritmi calzanti che di certo non ricordano la nostra bella Italia.
. Melodie e testi di una semplicità unica. Melodie commerciali, orecchiabili e familiari, con testi che ricordano città, nomi o ripetono parole, tipo quelle spagnole (sempre più frequenti), come ''playa'', ''andale'', o titoli di canzoni come ''Roma - Bangkok'', ''Amore e Capoeira''.
.Atmosfere esotiche. Forse, perchè ricordano facilmente l'estate e la voglia di farci una bella vacanza in uno di quei posti.
. Duetti. Ogni anno che passa c'è sempre più questa tendenza, e vediamo questi duetti per una hit con canzoni ballabili per tutta l'estate. Due cantanti, un dj/producer e un cantante. Tutto questo rende tutto più cool.


Conclusioni


Ovviamente potrebbero lavorare alla canzone più costruita possibile, ma se non c'è un pubblico pronto ad ascoltarle e ad apprezzarle, queste costruzioni non rimarrebbero in piedi. Siamo noi che rendiamo i tormentoni tali, ne siamo noi i fruitori.
Ora non ci resta che chiederci: ''In mezzo a questo miscuglio di canzoni, tutte simili tra di loro, c'è la possibilità che qualcuna di esse possa essere apprezzabile e dominare ''davvero'' le classifiche?''
Attendiamo e vediamo!

Ti potrebbe interessare anche:

. Fare il musicista di professione: problemi di ansia, ipocondria e depressione

. Libri musicali: 22 libri per crescere come artista

. Fare cover musicali, quando diventa autodistruttivo

Se vuoi essere aggiornato in tempo reale sulle nostre attività iscriviti alla newsletter, clicca qui.

Angela De Gregorio