Peter Jr è un giovane rapper. Il suo ultimo singolo s'intitola "Ciò che Conta".

Quali sono state le esperienze che ti hanno maggiormente formato?

Sicuramente andare a vivere con mio fratello maggiore a 17 anni, ha permesso il mio cambiamento già da molto giovane. A 19 stavo già in casa da solo e questo mi ha aiutato a maturare e capire le cose che contano davvero.

Il tuo ultimo singolo s’intitola ‘’Ciò che Conta’’. Ce ne vuoi parlare?

Volentieri. Ciò che conta è strettamente legato a ciò di cui ho parlato nella domanda precedente, è stato il primo singolo in cui mi sono davvero aperto e ho parlato di me stesso a fondo. Non è il genere di canzone che porterò spesso, sono un pò più “underground” di solito, ma ogni tanto c’è bisogno di guardarsi dentro e scavare nel passato.

Progetti per il futuro?

Progetti per il futuro ne ho, tra meno di 20 giorni esce il mio primo album, questo è per il momento il mio progetto più grande, ma è soltanto l’inizio. Sicuramente spero di crearmi opportunità proprio grazie a quest’ultimo per entrare a far parte di un etichetta o perché no, avviare collaborazioni importanti.

Quanto conta secondo te la passione, la costanza e la motivazione per avviare una carriera musicale?

Sono fondamentali. Senza passione credo che nessuno inizi a fare musica, viene da dentro questa voglia, ed è data appunto dalla passione. Per quanto riguarda la costanza, dipende dal carattere soggettivo, magari io ho bisogno di farlo ogni giorno ma, conosco persone che stanno senza scrivere/andare in studio mesi! Mentre la motivazione è necessaria per continuare a farlo.

Se dovresti descrivere con tre parole la tua musica, quale useresti?

Con stile personale.

Autoproduzione oggi. Qual è la tua visione?

Una figata, mi piacerebbe davvero tanto sapermi autoprodurre perché sai già cosa cerchi dal suono e scriverci sopra dev’essere molto appagante, peccato che non sappia assolutamente farlo ahahahha.

Com’è il tuo rapporto con il web e i social?

Altalenante, a volte ci sto per ore, altre volte non posto nulla per giorni o settimane. Dipende molto dal mio umore.

Cosa dobbiamo aspettarci per il futuro della musica?

Spero tanti talenti con nuove idee, e tante rime. Ormai fare il rapper è visto come il “fare il calciatore” degli anni 90’, lo vogliono fare un pò tutti, quindi spero che ricavino più persone che lo sanno fare bene.

 

Dott.ssa Angela De Gregorio, Musica & Comunicazione