Indice Contenuti:


Il dettato musicale è un esercizio di comprensione della musica, che serve, appunto, per imparare a comprendere al meglio la musica: le note, la loro durata, il ritmo ecc.

Ci sono due tipi di Dettato Musicale:

  • Il dettato ritmico, consiste nello scrivere su pentagramma il ritmo suonato da uno strumento.
  • Il dettato melodico, consiste nello scrivere su pentagramma le note suonate da uno strumento.

E' una vera e propria prova che viene fatta al Conservatorio. Fa parte delle prove di Teoria e Solfeggio. La prova consiste nel sentire una melodia suonata lentamente al pianoforte e il compito dell'allievo è quello di riportarla nella maniera corretta sul pentagramma.

L'allievo deve trascrivere correttamente il brano sul pentagramma, con le giuste alterazioni in chiave, il metro, la durata e, ovviamente, l'altezza delle note.

Inoltre, per prepararsi al meglio al dettato musicale, deve iniziare preparando il proprio foglio pentagrammato. Il rigo va suddiviso in quattro frammenti di due misure ciascuno. Si apre il rigo pentagrammato con la chiave di Sol e successivamente si scrive la frazione del tempo del brano che si andrà ad ascoltare. Poi si scrive la melodia sul pentagramma.

Allena il tuo orecchio musicale

Non ci sono scorciatoie, ma devi fare molta pratica. Devi fare molto ascolto quotidiano di brani musicali.

Seve un efficace allenamento musicale. Se hai un buon orecchio musicale ma non fai allenamento costante serve a ben poco.

Il nostro consiglio è quello di fare pratica ogni giorno almeno per due ore.

E’ fondamentale il modo in cui ascoltiamo e come alleniamo il nostro orecchio musicale e ritmico.

Ascolta composizioni, brani musicali, e prova a trascriverli, scrivi semplici frasi o soli incisi di melodie conosciute.

Devi allenare il tuo orecchio musicale a:

  • riconoscere le note di una melodia
  • Riconoscere il ritmo, in genere può essere semplice o composto
  • Stabilire l'unità di tempo, l'andamento e segnare in chiave la rispondente frazione
  • Individuare se il modo è maggiore o minore
  • Riconoscere la tonalità

Un piccolo consiglio. Impara mentalmente la scala di DO maggiore. Ripetila sempre in mente, perchè cosi saprai ricavare l'intervallo da una nota all'altra. Se ti ricordi l'ordine sonoro delle varie note puoi ricavare mentalmente la distanza ad esempio tra DO e MI, tra DO e SOL e cosi via. Questo esercizio ti aiuterà parecchio.

Dettato Musicale

Come svolgere al meglio il dettato musicale?

Il giorno della prova sul dettato musicale, il Maestro inizierà a suonare la melodia al pianoforte. E tu dovrai scrivere le note che ascolti sul pentagramma.

Ecco alcuni consigli:

  • Fai un primo ascolto attento.
  • Cerca di capire qual è la nota di partenza nel dettato musicale. Se intuisci che la prima nota è DO, con molta probabilità quella è la tonica, e quindi ci troviamo nella tonalità di DO maggiore.
  • Cerca di capire se la nota di inizio del dettato musicale corrispondere a quella di fine.
  • Cerca di capire se ci sono note alterate.
  • Cerca di capire se il brano è partito in battere o in levare?
  • Riascolta il dettato. Potresti renderti conto di alcuni errori commessi.

Esercitati prima dell'esame

Scegli un brano musicale.

Prepara un foglio pentagrammato.

Dividilo in 8 battute.

Aggiungi la chiave di SOL.

Ascolta il brano.

Aggiungi una frazione di tempo, ad esempio 2/4, 4/4 e cosi via.

Individua la prima nota e scrivila con un puntino sul pentagramma, perchè non conosci ancora la durata.

Cerca di capire la tonalità.

Ascolta il brano completo per capire qual è il tempo, devi capire se si tratta di un andamento binario, ternario o quaternario, e con misure semplici o composte.

Una volta che hai capito la prima nota, e il tempo, devi capire quali sono le note del brano. Per ogni suono che ascolti devi domandarti: di quale nota si tratta, se si tratta di una nota alterata o meno, ad esempio una nota in #, qual è la sua durata (semicroma, croma, semibreve e cosi via).

Scrivi le note che si susseguono con la loro relativa durata man mano che ascolti il brano.

Ascolta di nuovo il brano per individuare possibili errori.