La scala diatonica è una scala in cui le note si susseguono secondo una successione di sette intervalli, cinque toni e due semitoni. E', perciò, formata da sette suoni differenti.

Ecco un esempio:

DO RE MI FA SOL LA SI

I suoni che costituiscono la scala diatonica sono detti "Gradi".

  • Tonica
  • Sopratonica
  • Mediante o Modale o Caratteristica
  • Sottodominante
  • Dominante
  • Sopradominante
  • Sensibile

Abbiamo trattato i gradi della scala, in questo articolo: Cosa sono i gradi della scala? Tutto ciò che c'è da sapere

Sono scale diatoniche le scale maggiori e le scale minori.

La Scala diatonica maggiore

La scala maggiore è una scala diatonica che si costruisce usando cinque intervalli di tono e due intervalli di semitono.

I semitoni si trovano tra il 3° e 4° grado, e tra il 7° e l’8° grado della scala.

Costruzione della scala maggiore: T sta per tono e S sta per semitono.

Scala maggiore: T T S T T T S

Vediamo ad esempio il DO maggiore:

Partiamo da DO, andando avanti di un tono abbiamo RE, andando avanti di un tono MI, andando avanti di un semitono FA, andando avanti di un tono SOL, andando avanti di un tono LA, andando avanti di un tono SI, andando avanti di un semitono DO.

Questo metodo vale per tutte le scale maggiori.

La scala di DO maggiore contiene tutte le note senza alterazioni. Se proviamo, invece, a costruire delle scale maggiori partendo da altre toniche, incontriamo sempre lungo il cammino una o più note alterate.

Scala diatonica maggiore

La scala diatonica minore

La scala minore è una scala eptatonica e diatonica, il cui primo, terzo e quinto grado formano una triade minore. Si costruisce usando cinque intervalli di tono e due di semitono. I semitoni si trovano tra il 2° e il 3° grado, e tra il 5° e 6° grado della scala.

Se la confrontiamo con la scala maggiore che ha la stessa tonica ci accorgiamo che le due scale hanno tre note differenti:

La scala minore naturale è, infatti, come una scala maggiore alla quale sono stati abbassati di un semitono il 3°, 6° e 7° grado.

Sono proprio queste tre note abbassate a rendere la sonorità di questa scala più “triste”, più “malinconica”, rispetto a quella della scala maggiore (allegra, solare, decisa).

Inoltre, dall’abbassamento del 7° grado, deriva la perdita della nota “sensibile”, c’è infatti un tono di distanza tra il 7° e l’8° grado, e ciò determina in questa scala una minore “capacità di risolvere”, di concludere.

la minore

LA SI DO RE MI FA SOL LA

Questa è una scala diatonica minore naturale

Ci sono tre scale minori:

La scala minore naturale

La scala minore armonica

La scala minore melodica

Scale minori

La scala di LA minore contiene tutte le note senza alterazioni. Se proviamo, invece, a costruire delle scale minori partendo da altre toniche, incontriamo sempre lungo il cammino una o più note alterate.