Nella teoria musicale, le scale musicali sono un argomento molto importante. Un artista deve conoscerle, almeno le principali.

Ci sono tante scale musicali, alcune molto conosciute, altre un po' meno.

Ci soffermeremo su:

. Cos’è una scala

. I vari tipi di scale musicali

. Uno schema delle scale musicali principali

Cos’è una scala?

Per scala si intende una successione di suoni disposti fra loro secondo determinati rapporti intervallari. Nel sistema occidentale moderno troviamo per lo più scale in cui la serie di suoni si sviluppa per intero nell’ambito di un’ottava.

Tra i molti possibili tipi di scale esistenti, le prime due categorie sono le scale diatoniche e le scale cromatiche.

Le scale diatoniche procedono lungo l’ottava per gradi congiunti (utilizzando cioè intervalli di 2°), e sono perciò formate da sette suoni differenti.

Esempio scala di DO maggiore: DO RE MI FA SOL LA SI DO

Le scale cromatiche procedono per semitoni e sono quindi formate da 12 suoni diversi.

Esempio scala di DO maggiore: Do, DO#, RE, RE#, MI, FA, FA#, SOL, SOL#, LA, LA# SI, DO

I gradi della scala

I sette suoni che formano la scala diatonica sono detti gradi della scala.

I nomi convenzionali con cui vengono identificati sono i seguenti:

1)    Tonica (dà il nome della scala)

2)    Sopratonica (Sta sopra la tonica)

3)    Mediante o Modale o Caratteristica (Determina il modo della scala ovvero stabilisce se essa è maggiore o minore).

4)    Sottodominante

5)    Dominante (E’ l’antitesi della tonica, il suo opposto complementare, è ciò che crea la massima tensione)

6)    Sopradominante (Grado di passaggio)

7)    Sensibile (se è ad un semitono di distanza dall’ottavo grado) o settima (negli altri casi)

8)    Tonica

La sensibile è molto importante, ha la tendenza risolutiva sulla Tonica, all’interno della melodia serve a dare un senso di massima instabilità… per dare una sensazione di attesa.

Le note che procedono dal suono grave verso l’acuto formano le scale ascendenti, quelle che procedono dall’acuto al grave formano le scale discendenti.

Inoltre, se la successione dei suoni è consecutiva, si dice che si procede per gradi congiunti, se è saltuaria si dice che si procede per gradi disgiunti.

Soffermiamoci sulle scale diatoniche, che possono essere maggiori e minori.

La scala maggiore

La scala maggiore è una scala diatonica che si costruisce usando cinque intervalli di tono e due intervalli di semitono.

I semitoni si trovano tra il 3° e 4° grado, e tra il 7° e l’8° grado della scala.

Costruzione della scala maggiore: T sta per tono e S sta per semitono.

Scala maggiore: T T S T T T S

Vediamo ad esempio il DO maggiore:

Partiamo da DO, andando avanti di un tono abbiamo RE, andando avanti di un tono MI, andando avanti di un semitono FA, andando avanti di un tono SOL, andando avanti di un tono LA, andando avanti di un tono SI, andando avanti di un semitono DO.

Questo metodo vale per tutte le scale maggiori.

La scala di DO maggiore contiene tutte le note senza alterazioni. Se proviamo, invece, a costruire delle scale maggiori partendo da altre toniche, incontriamo sempre lungo il cammino una o più note alterate.

La scala minore

La scala minore è una scala eptatonica e diatonica, il cui primo, terzo e quinto grado formano una triade minore. Si costruisce usando cinque intervalli di tono e due di semitono. I semitoni si trovano tra il 2° e il 3° grado, e tra il 5° e 6° grado della scala.

Se la confrontiamo con la scala maggiore che ha la stessa tonica ci accorgiamo che le due scale hanno tre note differenti:

La scala minore naturale è, infatti, come una scala maggiore alla quale sono stati abbassati di un semitono il 3°, 6° e 7° grado.

Sono proprio queste tre note abbassate a rendere la sonorità di questa scala più “triste”, più “malinconica”, rispetto a quella della scala maggiore (allegra, solare, decisa).

Inoltre, dall’abbassamento del 7° grado, deriva la perdita della nota “sensibile”, c’è infatti un tono di distanza tra il 7° e l’8° grado, e ciò determina in questa scala una minore “capacità di risolvere”, di concludere.

Ci sono tre scale minori:

. La scala minore naturale

. La scala minore armonica

. La scala minore melodica

La scala di LA minore contiene tutte le note senza alterazioni. Se proviamo, invece, a costruire delle scale minori partendo da altre toniche, incontriamo sempre lungo il cammino una o più note alterate.

Schema delle principali scale musicali:


Scala maggiore

DO   RE   MI   FA   SOL   LA   SI   DO

         T       T      S      T      T      T        S

Scala minore

Ci sono tre tipi di scale minore: quella naturale, armonica e melodica:

Scala minore naturale

DO   RE   MI   FA   SOL   LA♭   SI♭   DO

          T       S       T       T       S       T      T

Partendo da LA

LA   SI   DO   RE   MI   FA   SOL   LA

         T      S     T      T       S      T       T

Scala minore armonica

DO   RE   MI♭   FA   SOL   LA♭   SI   DO

          T       S        T      T        S      TS     S

Partendo da LA

LA   SI   DO   RE   MI   FA   SOL#   LA

         T       S     T      T       S     TS       S

Scala minore melodica

DO   RE   MI♭   FA   SOL   LA   SI   DO

DO   SI   LA♭   SOL   FA   MI♭   RE   DO

           T        S       T      T        T      T      S (ASCENDENTE)

           T        T       S      T         T      S     T (DISCENDENTE)

Partendo da LA

LA   SI   DO   RE   MI   FA#   SOL#   LA

LA   SOL   FA   MI   RE   DO   SI   LA

           T      S      T      T       T      T     S (ASCENDENTE)

            T      T      S      T       T      S     T (DISCENDENTE)

Scala pentatonica

La scala pentatonica è una scala composta da solo 5 note.

Può essere maggiore o minore.

La scala pentatonica maggiore è una scala diatonica maggiore di cui sono stati eliminati il 4° e 7° grado della scala.

DO   RE  MI   SOL   LA  DO

         T       T     TS     T      TS

La scala pentatonica minore è una scala minore naturale di cui sono stati eliminati il 2° e 6° grado della scala.

LA   DO   RE   MI   SOL   LA

         TS     T     T      TS      T

Scala cromatica

Le scale cromatiche procedono per semitoni e sono quindi formate da 12 suoni diversi.

Esempio scala di DO maggiore: Do, DO#, RE, RE#, MI, FA, FA#, SOL, SOL#, LA, LA# SI, DO

Scala esatonale

E’ una scala costruita esclusivamente con intervalli di tono, sei in tutto.

DO   RE  MI   FA#   SOL#  LA#   DO

Scala aumentata

DO   RE#  MI   FA#   SOL#  SI

        TS       S      T        T         TS

Scala diminuita (Tono + semitono)

DO   RE  MI♭  FA   SOL♭  LA♭   LA   SI  DO

          T      S      T       S         T      S     T     S

Scala diminuita (Semitono + Tono)

DO   RE♭  MI♭   MI   FA#  SOL   LA   SI♭  DO

          S        T       S      T       S        T      S      T

Scale modali

Modo ionico

DO   RE  MI   FA   SOL  LA   SI   DO

           T      T      S     T       T     T      S

Modo dorico

RE   MI  FA   SOL   LA  SI   DO   RE

         T      S      T       T       T    S      T

Modo frigio

MI   FA  SOL   LA   SI  DO   RE   MI

         S       T        T     T     S     T       T

Modo lidio

FA   SOL  LA   SI   DO  RE   MI   FA

         T        T      T     S      T      T      S

Modo misolidio

SOL   LA  SI   DO   RE  MI   FA   SOL

           T      T     S      T     T      S       T

Modo eolio

LA   SI  DO   RE   MI  FA   SOL   LA

         T       S     T    T      S      T       T

Modo locrio

SI   DO  RE   MI   FA  SOL   LA   SI

        S       T      T     S      T       T     T

Ovviamente ce ne sono altre di scale musicali, quelle elencate sono le più utilizzate.

Abbiamo parlato anche di:

. Triadi e rivolti: Come crearli? Vediamo lo schema di triadi maggiori e minori

. Circolo delle quinte, come memorizzare facilmente le scale

. Giro di DO. Fai pratica, suona e componi nuove canzoni