Un artista per essere tale deve essere professionale. Non importa a che punto della carriera siete o se siete solo all’inizio della vostra carriera.

Dal primo momento dovete essere professionali.

Già è un grande punto di partenza. E’ nei piccoli dettagli che si nota la differenza.

Ecco di seguito 11 modi per essere un artista professionale:

Rispondete all’email

Rispondere sempre all’email o almeno il più possibile è segno di professionalità.

Ma soprattutto… rispondere all’email con un tono gentile e onesto, è segno di professionalità.

Quando si invia un email bisogna dare più dettagli possibili all’interlocutore, sia che si tratti di un fan, di un ufficio stampa, di un blog, di un etichetta discografica. Bisogna specificare nell’oggetto dell’email la sintesi di quello che sarà il messaggio.

Poi cosa importante… quando si scrive il messaggio la prima cosa da fare è presentarsi, dire il proprio nome e cognome, e il nome d’arte. Dire immediatamente qual è la richiesta e se opportuno parlare del proprio progetto. E infine salutare la persona, con ‘’Distinti saluti’’, oppure ‘’Grazie per la vostra attenzione’’ ecc… l’importante è essere professionali. E far capire all’interlocutore con chi sta parlando.

Preparate un Press Kit

Uno dei consigli che spesso come blog diamo agli artisti che ci scrivono è di preparare un Press Kit con tutti i loro materiali. Sicuramente c’è chi ha dietro un ufficio stampa o un’etichetta discografica che fa questo lavoro per l’artista. Ma oggi un artista può essere tranquillamente promotore e manager di sè stesso.

Quindi preparate tutto il materiale necessario. Volete chiedere a un blog di fare una recensione del vostro singolo o album? Il consiglio è, al di là di cosa vogliate fare, una volta che state per lanciare un album o un singolo preparate un Press Kit formato da:

. comunicato stampa o info dettagliate sul singolo o album, come ad esempio data di uscita, genere, significato della canzone/album, la vostra missione;

. biografia artistica;

. foto;

. uno o più mp3 oppure i link utili per ascoltare il singolo o l’album (Spotify, YouTube, SoundCloud);

. i contatti social (Facebook, Instagram ecc..).

In questo modo avrete già fatto gran parte del lavoro. E potrete mandare il materiale a un blog o una testata per proporvi per un’intervista o recensione; a un etichetta discografica o a un produttore; o a un locale per far conoscere il vostro lavoro e avrete il vostro materiale già pronto.

Siate gentili sempre

Cercate di essere il più gentili possibile, anche nelle risposte. Avvolte vi innervosirete, ma non ne vale la pena rispondere in modo scortese. Potreste pentirvi, magari quel contatto potrebbe esservi utile in futuro.

Siate preparati e competenti

La preparazione e la formazione sono la chiave di accesso per qualsiasi cosa vogliate fare. Anche questo denota professionalità. Quindi, studiate sempre ogni giorno, ci sarà sempre qualcosa di utile da imparare.

Ascoltate chi vi sta di fronte

Avete un appuntamento con un discografico? Ascoltatelo e vedete cosa ha da dire prima di rispondere a sproposito. Avvolte alle spalle c’è un pregiudizio, ma ognuno è diverso, come ogni situazione che si presenta. Quindi, ascoltate prima, e poi riflettete e fate una scelta.

Siate puntuali

Inutile dirvi che a un vostro concerto dovete arrivare molto in anticipo, o a un appuntamento di lavoro siate il più puntuali possibile. Arrivare 20 minuti dopo non è segno di professionalità. E poi chi vi attende si farà strane idee su di voi. Di certo, soprattutto se è la prima volta che vi vede, non avrà una buona impressione.

Siate organizzati

Preparate sempre le cose in anticipo. L’intuito va bene, ma anche un minimo di organizzazione.

Mostrate rispetto per colleghi o collaboratori

Abbiate sempre rispetto per i componenti della vostra band, ma anche per gli altri artisti e musicisti; per un professionista o un manager, gestore di un locale, giornalista ecc.

Andate ai concerti degli altri

Non siate in competizione con gli altri artisti, fateveli amici, andate ai loro concerti, scoprite anche altri progetti musicali. E’ comunque un momento di crescita personale e professionale.

Non scegliete sempre la strada gratuita

Gratis non significa convenienza. Scegliere sempre questa opzione vuol dire fare musica per hobby. Un professionista sa che se crede in un progetto deve anche investire e crederci, un po' come in tutti i lavori, anche un imprenditore che lancia un suo progetto, non può pensare di non investire nulla per mandare avanti il progetto. Ed è professionale aspettarsi un riscontro economico e riconoscere che chi offre un servizio, offre il suo tempo. Ciò vuol dire che lo fa seriamente e non è un semplice hobby.

Non lavorate gratis

Non suonate gratis in un locale, in piazza o in altri contesti. Essere professionali significa che siete i primi a rispettare il vostro lavoro. E chi vi offre di fare qualcosa gratis non riconosce il vostro valore e non dà valore al vostro tempo.

Angela De Gregorio