Fabrizio De André è stato un cantautore italiano. Uno dei più importanti del panorama musicale italiano.

Le sue canzoni sono considerate vere e proprie poesie, in grado di emozionare chiunque. Ha pubblicato numerosi album in studio, per l'esattezza tredici, e le canzoni di maggiore successo sono:

. "Il pescatore"

. "La canzone di Marinella"

. "Via del campo"

. "La guerra di Piero"

. "Amico Fragile"

. "Bocca di rosa"

. "Don Raffaè"

E tante altre...

I migliori libri di Fabrizio De André

1) Fabrizio De André. Il libro del mondo: Le storie dietro le canzoni di Walter Pistarini

Descrizione del libro: Un'impresa monumentale, una ricerca minuziosa e rigorosissima fatta dall'autore grazie a testimonianze originali e ricerche negli archivi. Il volume si sviluppa cronologicamente lungo la discografia e prende in considerazioni tutte le canzoni edite, ricostruendo la storia dietro ogni brano di De André: aneddoti, curiosità, vicende personali, derivazioni letterarie e di vita che "entrano" nelle canzoni. Non il solito libro su un nome leggendario ma un reference fondamentale per tutti gli appassionati di De André e della canzone d'autore.

Puoi acquistarlo qui:

2) Tutto De Andrè: Il racconto di 131 canzoni di Federico Pistone

Descrizione del libro: C’è una sola strada per conoscere e apprezzare l’eredità del più grande artista della musica italiana d’autore, a vent’anni dalla scomparsa: riascoltare tutte le sue canzoni. Sono solo 131 in fondo, da Nuvole barocche uscita nel 1961 all’album anime salve del 1996, più gli improbabili inediti usciti postumi nel 2008. Tanto si è detto, tanto si è scritto e visto – perfino uno sceneggiato a puntate – ma il modo per ricostruire il ritratto più autentico, sacrilego e spirituale insieme, di Fabrizio De André è in questo libro che ripercorre ogni brano, dal primo all’ultimo, raccontato attraverso la genesi, le testimonianze, gli aneddoti, i segreti, i retroscena svelati dallo stesso Faber – come era chiamato dall’amico Paolo Villaggio – e dalle persone che lo hanno vissuto, amato, odiato e compreso. Il risultato è una sorta di romanzo a capitoli, 131 appunto, con schede brillanti e dettagliate, accompagnate dalle stelline – da 1 a 5, in stile cinematografico – che tengono conto del valore artistico e storico. Tutto De André, che richiama anche il titolo del primo album del 1967 (tutto Fabrizio De André) è molto più che una guida all’ascolto di un protagonista – poeta, musicista, cantautore – del Novecento, ancora oggi riferimento esistenziale e artistico delle nuove generazioni.

Puoi acquistarlo qui:

3) Ridammi la mano. Fabrizio de Andrè di Ernesto Anderle

Descrizione del libro: Le più belle canzoni e i frammenti di vita più significativi di Fabrizio De André interpretati dalle matite romantiche di Ernesto Anderle. Un omaggio disegnato a uno dei più grandi cantautori di sempre.

Puoi acquistarlo qui:

4) Non per un dio ma nemmeno per gioco. Vita di Fabrizio De André di Luigi Viva

Descrizione del libro: Dalla penna di un amico, ma anche di un "addetto ai lavori", una biografia commossa e sincera, lontana dall'ufficialità come dall'apologia. Gli anni dell'infanzia con Fabrizio, "Bicio", sfollato in una cascina di Revignano d'Asti; lo zio Francesco reduce dal campo di concentramento, prototipo di tante figure dolenti che popoleranno le sue canzoni. L'adolescenza e la giovinezza a Genova, tra i primi tentativi musicali, la ribellione e la scoperta del sesso, l'alcol, la bohème cittadina. E poi l'amicizia con Luigi Tenco, i primi timidi successi, il processo per oscenità a "Carlo Martello", il primo matrimonio, il figlio Cristiano, Dori Ghezzi e la Sardegna, il sequestro, la malattia. Una biografia con fotografie inedite.

Puoi acquistarlo qui:

5) Fabrizio De André. Sguardi randagi. Le fotografie di Guido Harari. Ediz. illustrata di Guido Harari

Descrizione del libro: «Che dolore pensare che foto così non se ne potranno fare più, che riconoscenza che ci sono. Fabrizio c'è stato e ci sarà sempre. Grazie a queste, e grazie a Dori, grazie a canzoni e poesie che appartengono con lui agli enormi spazi profumati dell'eternità. Chissà che cosa avevi in mente, Guido, per stregarci tutti così, inchiodarci così alle emozioni, alla passione di queste immagini che non possiamo vedere senza tremare, senza desiderare che ce ne siano altre, tante, miliardi, quante sono le stelle meno splendenti di Fabrizio, meno magiche di Fabrizio, meno fatate di Fabrizio, ma tenere quanto il tuo, il nostro, il vostro amore.» (Fernanda Pivano)

Puoi acquistarlo qui:

6) Un viaggio nell'officina del Faber. Analisi degli avantesti e commento a «La domenica delle salme» di Fabrizio De André di Alessandro Biotti

Descrizione del libro: È un volume quello di Alessandro Biotti - già insegnante di latino-greco - sul testo forse più affascinante, discusso e problematico qual è "La domenica delle salme" di Fabrizio De André, il cantautore italiano più 'classico' per eccellenza. Lo studio ci restituisce la complessa gestazione creativa di un faber che, partendo da frammentari e nervosi appunti buttati giù su un'antologia di poeti brasiliani del '900, approda, attraverso molteplici stesure delle varie strofe, al testo definitivo. Il lavoro si divide in due parti: nella prima, filologica, vengono presentati in forma di una trascrizione diplomatica e analizzati tutti i manoscritti che compongono l'«avantesto» del brano; la seconda, esegetica, propone un commento verso per verso che mira non solo a decriptare i significati di un visionario affresco dell'Italia degli anni '80, ma anche, e soprattutto, a coinvolgere i lettori, che ancora oggi apprezzano le canzoni di Fabrizio De André, fornendo spunti e invitandoli a farsi loro stessi complici nell'interpretazione di un testo resistente a chiavi di lettura univoche e per molti aspetti indecifrato e, forse, volutamente indecifrabile.

Puoi acquistarlo qui:

7) Falegname di parole. Le canzoni e la musica di Fabrizio De André di Luigi Viva

Descrizione del libro: Quella di Fabrizio De André è una vita geniale, da ripercorrere attraverso la sua musica. Luigi Viva ci guida in un viaggio per conoscere in profondità l’equilibrio struggente fra il senso dell’ironia e il senso del dramma, il coraggio e la misura, le esperienze di vita del “falegname di parole” e le sue letture, i personaggi di un sottoproletariato che sfugge alla politica, e per questo vicini all’ideale di un’anarchia bonaria. E poi l’amore per i semplici, gli sconfitti e l’attenzione per “gli ignorati e perseguitati dal potere”. Questo libro è stato scritto tra il 1992 e il 1999, contemporaneamente a "Non per un dio ma nemmeno per gioco", e il lavoro fu condiviso con Fabrizio De André, che ebbe l’opportunità di vederlo e commentarlo con l’autore. Con questo secondo volume, ricco di ricordi e testimonianze, si completa così l’idea originaria di realizzare uno studio approfondito sulla vita del grande cantautore, sulla sua opera e il suo stile. Ed è come sentire la voce di De André: attraverso i suoi appunti, la sua calligrafia, le fotografie più intime, gli spartiti originali, i testi autografi con le sue correzioni e i suoi ripensamenti.

Puoi acquistarlo qui:

8) Sotto le ciglia chissà. I diari di Fabrizio De André

Descrizione del libro: "Da anni lavoriamo sulle carte dell'archivio di Fabrizio De André, eppure siamo costantemente sorpresi da nuove scoperte e costretti a confessarci ogni volta che "era molto più curioso" di noi. Leggere le sue carte significa scorrere quaderni, fogli sparsi, libri, agende, buste, sacchetti per rifiuti messi a disposizione da compagnie aeree... vuol dire sfogliare qualsiasi pezzo di carta sul quale potesse appuntare un'immagine nell'istante stesso in cui affiorava. Un caleidoscopio di frasi all'apparenza casuali che tuttavia ci restituiscono il ritratto della sua fede laica nella pietas umana, l'anarchia di chi è libero dagli abusi di potere e il sarcasmo ironico tipicamente ligure. Sorridiamo con le sue rime goliardiche o i "pensierini" scritti per puro gusto del divertimento. Siamo costretti a fermarci e riflettere quando invece "il pensiero e la scrittura diventano grido, insulto o lacrime di rabbia". O, a parer nostro, sollievo. Fabrizio annotava in maniera istintiva e quasi maniacale impressioni, ricordi, detti popolari imparati nei carruggi di Genova o appresi dai contadini della Gallura, ricette, citazioni. In questo mare di appunti si trovano le idee che avrebbero dato vita alle sue canzoni, trasformate poi nelle parole che potevano essere collocate negli "spazi stretti" lasciati dalla musica grazie ad un lavoro di artigiano meticoloso e alla ricerca di un solo termine, il migliore e più agile, in grado di restituire tutta l'idea originale.

Puoi acquistarlo qui:

9) Uomo Faber di Fabrizio Càlzia & Ivo Milazzo

Descrizione del libro: Dalla matita di Iva Milazzo e dalla penna di Fabrizio Càlzia nasce Uomo Faber, l'appassionato omaggio di due maestri del fumetto al grande cantautore genovese Fabrizio De André. Un viaggio sognante nel mondo e nel passato di Faber (soprannome che gli fu dato dal suo amico Paolo Villaggio), tra gli episodi e le esperienze che maggiormente ne hanno segnato la vita e la produzione artistica. Uno sguardo intimo e profondo sull'uomo De André, imperdibile omaggio della grande letteratura a fumetti a un mito indimenticabile della nostra musica.

Puoi acquistarlo qui:

10) De Andrè. Anthology di Fabrizio De André

Descrizione del libro: Un'antologia dedicata al cantautore genovese, con 19 fra i suoi più grandi successi: Amore che vieni, amore che vai, Bocca di rosa, Carlo Martello ritorna dalla battaglia di Poitiers, Don Raffaè, Fila la lana, Geordie, Il fannullone, Il pescatore, Il testamento, La ballata del Michè, La ballata dell'amore cieco (o della vanità), La ballata dell'eroe, La canzone dell'amore perduto, La canzone di Marinella, La città vecchia, La guerra di Piero, Per i tuoi larghi occhi, Suzanne, Via del campo.

Puoi acquistarlo qui: