Gianni Morandi è un cantante, musicista, attore, considerato una figura di rilievo nella musica leggera italiana, con oltre 50 milioni di dischi venduti in tutto il mondo.

Ha condotto il Festival di Sanremo per due edizioni, 2011 e 2012, e l'ha vinto nel 1987.

Tra le canzoni di maggior successo ricordiamo:

  • Fatti mandare dalla mamma a prendere il latte
  • In ginocchio da te
  • Andavo a cento all’ora
  • Se non avessi più te
  • Non son degno di te
  • Si può dare di più
  • C’era un ragazzo che come me amava i Beatles e i Rolling Stones
  • Occhi di ragazza
  • Sei forte papà
  • Grazie perché
  • Uno su mille e tante altre.

I migliori libri di Gianni Morandi

1) Gianni Morandi è scomparso di Silvana Calcagno

Descrizione del libro: Il primo giorno di lavoro può rivelarsi difficile da affrontare. Soprattutto se l'azienda che ti ha assunto è l'emittente televisiva più famosa d'Italia, la Rai; se sei una ragazza ambiziosa ma molto emotiva, con dei superpoteri ereditari e una famiglia ingombrante; e se i tuoi colleghi hanno dei caratterini non proprio facili da gestire e troppi segreti e questioni in sospeso. Storie d'amore e di odio, di tenerezza e di vendetta, a metà fra il comico e il tragico, la ricerca di affermazione di una millennial e il suo scontro quotidiano con il nemico più temibile: sé stessa.


2) Diario di un ragazzo italiano di Gianni Morandi & Michele Ferrari

Descrizione del libro: Per la prima volta Gianni Morandi apre al pubblico le pagine del suo diario e ripercorre la sua vita - e mezzo secolo di storia d'Italia - in un'autobiografia intima in cui si svela come artista e come uomo. È uno dei personaggi più amati dal pubblico italiano: le sue canzoni, il suo sorriso contagioso e la sua immagine da eterno ragazzo sono ormai parte della cultura nazionale. Dietro questo volto così familiare, però, é racchiusa tutta una storia di idee, fatica, sacrifici, tenacia e forti passioni. Questa storia è stata trascritta giorno dopo giorno sul diario che accompagna Gianni fin dall'infanzia e che ora, come un romanzo, ci fa rivivere insieme a lui i ricordi e le emozioni di una vita: dagli anni Quaranta, con le difficoltà del dopoguerra, ai trionfi negli anni del boom economico; dal periodo della crisi alla rinascita, con la scoperta di una nuova maturità artistica e il nuovo successo. Fino al racconto dell'ultima grande passione, quella per la corsa, che diventa metafora della sua intera esistenza, della sua voglia inesauribile "di fare ogni volta un po' meglio, per sentire che il cammino è ancora ricco di sorprese, di limiti superati e di altri che si possono superare".


3) Occhi di ragazzo. Cronache di vita, amore, cinema e canzoni d'intorno a Gianni Morandi di Giuseppe De Grassi

Descrizione del libro: Questa storia è quasi un "romanzo di formazione", una biografia non solo del personaggio principale (in cui, a volte, si confonde anche quella dell'autore), ma anche di tante altre oscure comparse fino a formare la fotografia di un'Italia di piccoli e grandi uomini e di piccoli e grandi scandali. Ma in questo libro si può trovare anche tutto su Gianni Morandi: dalle canzoni incise a quelle solo cantate dal vivo o in qualche trasmissione televisiva, dai film fatti a quelli rifiutati, dalle trasmissioni televisive a quelle radiofoniche.


4) Gianni Morandi. Antologia di Gianni Morandi

Descrizione del libro: Al Primo Sguardo - Canzone Libera - Come Fa Bene L'Amore - Dimmi Adesso Con Chi Sei - Fino Alla Fine Del Mondo - Giovane Amante Mia - Innamorato - L'Amore Ci Cambia La Vita - Nel Silenzio Splende - Scende La Pioggia (Elenore) - Se Perdo Anche Te (Sy Man) - Si Può Dare Di Più - Solo Chi Si Ama Veramente - Succede - Una Vita Normale - Uno Su Mille - Varietà - Vita.


5) A mani nude di Nek Filippo Neviani con Prefazione di Gianni Morandi

Descrizione del libro: "A volte, un solo momento può cambiare tutto. Basta una giornata di sole, la campagna che brilla, la voglia di dedicarsi a lavori di bricolage, lavorare al legno, a un vecchio carro che un tempo lontano era stato un calesse. L’incidente è improvviso. Il sangue, poi il dolore, la paura, lo shock. La corsa verso l’ospedale. La mano squarciata. La possibilità di non recuperarne l’uso. Ma che vuol dire perdere la funzionalità di una mano per un musicista? La stessa mano che ha sempre usato per suonare, comporre, creare? In occasione del suo cinquantesimo compleanno, Filippo Neviani, Nek, partendo dall’incidente che lo ha colpito, si lascia andare a riflessioni aperte, sul dolore, la pazienza, il coraggio, l’amore, la fede. In A mani nude si racconta come mai ha fatto, con profondità, senza ¬ filtri e senza paura di ammettere debolezze e fragilità. Ricorda i suoi inizi, i primi successi e le prime avversità, ripensando a suo padre che non c’è più ora che è lui, a essere padre. E parla al lettore, con assoluta onestà e aprendo il suo cuore, del rapporto con la fede, delle crisi che colpiscono gli uomini e fanno dubitare delle proprie scelte, del proprio talento. Ma parla anche delle risorse che puoi trovare in te stesso nei momenti di difficoltà e dolore, risorse che di solito non sai nemmeno di avere. E, ovviamente, A mani nude è anche un libro sulla musica. Partendo dai terribili pensieri sul letto dell’ospedale, Nek ritorna con la mente a quello che ha signi¬ficato la musica nella sua vita e si chiede come sarà la sua vita se non potrà mai più suonare. E, ancora di più, si chiede come sarebbe stata la sua vita senza la musica. Impreziosito da una prefazione di Gianni Morandi, A mani nude è un libro emozionante e incredibilmente intenso, scritto da uno dei cantautori italiani più amati.


6) Dice che era un bell'uomo... Il genio di Dalla e Pallottino di Massimo Iondini con Presentazione di Gianni Morandi

Descrizione del libro: Camicia bianca, coppola in testa, la proverbiale barba e una ieratica compostezza. Il televisivo bianco e nero di quella sequenza lontana mezzo secolo è l'iconico ritratto di Lucio Dalla quando, dopo sette anni di insuccessi e umiliazioni, catapulta sul grande pubblico il brano che lo incorona vincitore morale del Festival di Sanremo 1971. Un testo coraggioso uscito dalla penna dell'illustratrice di fiabe Paola Pallottino. La canzone s'intitola "Gesubambino" ma cala la mannaia della censura e diventa "4/3/1943", la data di nascita di Dalla. La strana coppia di autori è lanciata, col primo posto in classifica e nuovi capolavori: "Il gigante e la bambina", "Un uomo come me" e "Anna Bellanna". In tutto otto canzoni pubblicate, l'equivalente di un ideale long playing. Ma c'è un nono brano, rimasto nel cassetto. S'intitola "La ragazza e l'eremita" e viene qui svelato insieme a molti aneddoti e retroscena grazie alle testimonianze - oltre che di Paola Pallottino, Gianni Morandi e Pupi Avati - di Gino Paoli, Renzo Arbore, Ron, Maurizio Vandelli, Maurizio De Angelis, Vince Tempera, Angelo Branduardi, Armando Franceschini, del domenicano Bernardo Boschi (padre spirituale di Lucio) e di Umberto “Tobia” Righi, factotum, uomo di fiducia e padre putativo del cantautore bolognese. Il libro racconta un periodo mai esplorato prima della carriera di Dalla, a partire dal decisivo sodalizio con Paola Pallottino che ha aperto la strada alla successiva collaborazione di Lucio con il poeta Roberto Roversi. Esperienze che hanno entrambe forgiato il geniale stile del Dalla cantautore, decollato nel 1977 con "Come è profondo il mare". Prefazione di Pupi Avati. Introduzione di Gianni Morandi.