Una volta capito cos'è il pentagramma e come si leggono le note sul pentagramma, è importante capire i valori delle note.

Il valore musicale è un parametro grafico, utilizzato per capire quanto deve durare una nota nel tempo.

Una nota può durare 4/4, oppure può durare 2/4, o può durare 3/4 ecc. Questo lo decide il compositore e l'esecutore del brano. Insomma viene deciso nella fase di creazione di un componimento.

I valori delle note hanno dei nomi in base alla loro durata, e di conseguenza dei simboli per identificarli.

 

Prima di proseguire, ti consigliamo di leggere "Teoria & Armonia. Vol 1, 2 e 3" di Andrea Avena, che secondo noi è uno dei migliori e più completi libri di Teoria musicale. Per maggiori info, clicca qui.

I valori delle note

Ogni nota può avere una diversa durata.

Eccole di seguito:

. Semibreve vale 4/4

. Minima vale 2/4

. Semiminima vale ¼

. Croma vale 1/8

. Semicroma vale 1/16

. Biscroma vale 1/32

. Semibiscroma vale 1/64

Nella tabella è possibile vedere i simboli della durata delle note e delle pause:

img

 

I valori delle note musicali possono essere ulteriormente aumentati posizionando uno, due o tre punti dopo la sua testa.

img

Punto doppio. Il primo punto aumenta il valore della nota della metà; il secondo punto aumenta il valore della nota della metà di quello del primo punto.

Punto triplo. Il primo punto aumenta il valore della nota della metà; il secondo punto aumenta il valore della nota della metà di quello del primo punto; il terzo punto aumenta il valore della nota della metà di quello del secondo punto.

img

Leggi anche:

. Accordi: Maggiori, Minori e di Settima

. Intervalli musicali, esercizi

. Pentagramma: come si legge? La guida definitiva