Claudio Baglioni è un cantautore e musicista italiano di grande successo.

Ha vinto numerosi premi, come due FestivalBar, otto Wind Music Awards, sei Telegatti, un Premio Lunezia; e nella sua carriera musicale ha venduto oltre 60 milioni di dischi in Italia e in altri Paesi, come la Spagna.

Oltre alle sue canzoni di grande impatto, è la sua dote vocale che lo ha reso celebre. La sua voce, infatti, ha un'estensione vocale di 3 ottave.

Tra le canzoni di maggior successo, ricordiamo:

  • Avrai
  • Mille giorni di te e di me
  • Questo piccolo grande amore
  • Strada facendo
  • Amore bello
  • E tu come stai?
  • E tu...
  • Noi no
  • Via
  • La vita è adesso
  • Gli anni più belli e tante altre.

Libri di Claudio Baglioni

1) Trent'anni di oltre. Oltre per Claudio Baglioni, Oltre per i fan di Marilena Brassotti Ziello

Descrizione del libro:

Sono passati più di trent'anni dall'uscita di Oltre - Un mondo uomo sotto un cielo mago, concept album che ha segnato non solo la carriera di Claudio Baglioni, consentendogli l'accesso nell'Olimpo della Canzone d'autore, ma anche tutta la storia della canzone italiana. Trent'anni di Oltre è un omaggio a questa monumentale opera, ma anche un regalo che un gruppo di diciannove fan, provenienti da tutta Italia e appartenenti ad ambiti professionali differenti, decidono di fare, a nome di tutti gli altri fan sparsi per la penisola, al proprio beniamino, il cui fandom si conferma essere uno dei più attivi almeno tra i cantautori storici della nostra tradizione. "Oltre per Claudio, Oltre, per i fan": questo disco rappresenta per tutti loro, ancora oggi, un punto di riferimento che ha accompagnato e scandito diversi momenti della loro vita. In fondo, le canzoni, neanche queste, «possono mai cambiar la vita», ma strada facendo possono farci «andare avanti e dire che non è finita».


2) Inter nos di Claudio Baglioni

Descrizione del libro:

Diario social di una delle voci più amate della musica popolare italiana. Cinque anni di pensieri, riflessioni, domande e tentativi di risposta, firmati Claudio Baglioni: pagine profonde e leggere, che riflettono e fanno riflettere, affidate al mare virtuale di Facebook, in un rapporto - allo stesso tempo - intimo e pubblico con il popolo della Rete.


3) Questo piccolo grande viaggiatore. Claudio Baglioni in 100 pagine di Donato Zoppo

Descrizione del libro:

Dalla maglietta fina ai tamburi lontani. Dal passerotto al grande mago. Dall'amore bello al male di me. Dal lungo Tevere che andava lento lento all'umanità tormentata sulle coste di Lampedusa. Il canzoniere di Claudio Baglioni è uno specchio in continua evoluzione, un osservatorio sulla maturazione dei sentimenti, dalle pulsioni giovanili degli amori che esplodono, vivono e temperano alle contraddizioni di un uomo messo di fronte a se stesso, alla memoria, a dolorosi tragitti interiori. La canzone di Baglioni è un viaggio nella vita, un percorso avviato da una lettura personale divenuta universale, capace di accomunare tutti noi e le nostre storie.


4) Claudio Baglioni. Un cantastorie dei giorni nostri (1967-2018) di Paolo Jachia

Descrizione del libro:

Questo libro presenta un ritratto cronologico di Claudio Baglioni dalla prima canzone scritta nel 1967 alla sua designazione come direttore artistico e presentatore del Festival di Sanremo 2018. Non è però un ritratto biografico, ma un’analisi puntuale dei suoi dischi (tutti) e delle sue canzoni (moltissime ma non tutte). Il principio è quello della comprensione di ciò che vuole dire un testo e questo non per un esercizio fine a se stesso ma per designare la poetica, la strategia comunicativa propria di Baglioni. Possiamo così dire che, se è vero che Baglioni ha avuto due differenti momenti creativi e artistici, va anche detto che, dopo una trentina di album, qualche migliaia di concerti e qualche milione di dischi venduti, le due strade - quella delle canzoni d’amore e quella dei racconti più impegnati e a tratti persino sperimentali - sono diventate una sola. Non solo, ma crediamo che un suo merito complessivo sia quello di aver ridotto la presunta distanza tra cosiddetta “canzone d’autore” e cosiddetta “canzone pop”. Distinzione che appare (e questo anche il senso del nostro libro) posticcia, mentre invece il punto vero è una non pregiudiziale valutazione estetica dell’intenzione artistica di una canzone.


5) Quel gancio in mezzo al cielo. Claudio Baglioni, canzoni tra l'uomo e Dio di Andrea Pedrinelli

Descrizione del libro:

L'autore racconta e analizza la vicenda artistica di Claudio Baglioni valorizzando la forte tensione etica e anche esplicitamente religiosa che l'ha sempre attraversata e sostenuta. Il primo capitolo ha un taglio cronologico e ripercorre la carriera del cantautore romano, dagli esordi depressivo-adolescenziali degli anni Settanta (nome d'arte "Agonia") fino agli esiti di maggior spessore artistico degli ultimi due decenni. Gli altri capitoli sono tematici e sviluppano i temi fondamentali delle canzoni di Baglioni.


6) Claudio Baglioni: un cantautore diacronico, in viaggio sulle ali del tempo di Alessandro Quinti

Descrizione del libro:

Vi starete chiedendo che cosa intendo sottotitolando questa versione cartacea/tascabile, “Un cantautore diacronico…”. Beh, esattamente quello che il termine indica, gentili lettori. Ovvero una linea temporale che attraversando generazioni e generazioni ha fatto crescere, riflettere, amare, piangere e sorridere uno sterminato pubblico quale è quello che da decenni segue con affetto e ammirazione Claudio Baglioni. Basta una nota, un incipit di uno dei suoi più noti brani ed ecco arrivare inconfondibile sulla pelle dell’ascoltatore l’immancabile pelle d’oca! Emozioni pure, ricordi come se piovesse, circostanze e situazioni che Claudio Baglioni ha sempre saputo fermare nel tempo, con leggera maestria, con malinconica gioia. Perché Baglioni è Baglioni! Suvvia! Alzi la mano chi non ha in casa almeno un suo disco in vinile o qualche musicassetta! Siete tanti, lo vedi anche da qui! Claudio Baglioni come un classico senza tempo, un album di “fotografie” che è sempre bello sfogliare, ricordi, colori e sapori che riaffiorano all’improvviso e ci riportano, magicamente, quasi fossero una macchina del tempo, esattamente dove vorremmo tornare, almeno per un attimo. Per rivedere un luogo, per ritrovare un amore, per riscoprire il senso dell’amicizia semplice e vera. Parole in musica, sentimenti in musica, ricordi in musica; luoghi, città, tramonti, sensazioni, aspirazioni, tentazioni. Scegliete voi gli ingredienti: assaggiateli, assaporateli e portateli sempre con voi, come si faceva con un disco, con una musicassetta, con una piccola radio. Tutto è cambiato, ma forse non poi così tanto. Le opportunità dell’era digitale offrono innegabilmente nuovi orizzonti anche nella fruizione della musica, ma il senso, anzi la morale è sempre quella: la qualità dura nel tempo. E la musica, e le parole, di Claudio Baglioni ne sono un esempio lampante.


7) Senza musica. Scritti dal 1974 di Claudio Baglioni

Descrizione del libro:

Claudio Baglioni racconta se stesso attraverso le note di un diario che lo ha accompagnato in trent'anni di viaggi, di carriera, di vita. L'autore alterna cenni biografici e narrativi, racconti, bozzetti, riflessioni sui temi della guerra e la fine del secondo millennio, considerazioni sulla vita dell'artista girovago, sferzanti critiche musicali e sociali, intensi appunti che hanno seguito il suo primo tour in Africa, Sud America ed Est Europeo. Claudio Baglioni offre nelle pagine di questo libro uno sguardo inedito sul rapporto trentennale tra un cantore e il suo secolo.


8) Non Smettere di Trasmettere di Claudio Baglioni

Descrizione del libro:

Esiste un modo non impersonale di vivere i social? È possibile ridurre e non aumentare le distanze? Stabilire contatti "reali", anche se spesso la conoscenza è e resta soltanto "virtuale"? Si può rimanere se stessi, senza stravolgere la propria identità, né lasciarsi trascinare nel gioco, non sempre divertente o innocente, della finzione? Ci si può incontrare su un piano di autenticità e onestà intellettuale, evitando "post-verità" e "hate speech"? C’è posto per pensieri veri, parole vere, sentimenti ed emozioni vere? Ci possono essere profondità senza pesantezza, leggerezza senza banalità, dialettica senza polemica e confronto senza offesa? Claudio Baglioni ci dimostra di sì: tutto questo è possibile. E lo fa, utilizzando la forma antica e romantica della lettera, nell’universo veloce e distratto dei social, recuperando e dando fiato e tempo a quei pensieri e a quelle parole che il mondo social cerca, ma raramente è in grado di offrire. Lettere dal tempo raccoglie le vere e proprie lettere - non semplici post - che Baglioni scrive alle centinaia di migliaia di persone (800mila, attualmente) che lo seguono sul suo profilo Facebook. Lettere personali nel linguaggio e nella forza delle riflessioni, ma anche nei destinatari, dal momento che non sono indirizzate a una platea informe e anonima, ma pensate come un "da me a te" diretto, intimo e vero, frutto della sensibilità, della profondità, e della capacità di emozionare e appassionare che solo un grande artista ha.